lunedì 1 ottobre 2012

Il Papà in Cucina: Confettura di fichi d'India al Profumo di Vodka

In casa mia, la mamma è sempre stata la regina, padrona e capa indiscussa della cucina (sono malviste intrusioni esterne nel suo regno). Mio papà non ha mai avuto difficoltà ad accettare la cosa di buon grado, facendo onore ai deliziosi piatti da lei preparati.
Ci sono però due aree di interesse, in cui l'estro creativo/culinario del papà ha preso il sopravvento sul dominio della regina madre: la gestione della brace e la preparazione delle confetture.

Come ogni uomo che si rispetti, mio padre adora accendere il fuoco e arrostire carne, pesce, verdure, pane (e chi più ne ha più ne metta) e partecipare alle bellissime dinamiche che si scatenano in compagnia, quando i maschi si radunano, dispensandosi consigli su come ottenere la brace perfetta e rubandosi l'attizzatoio l'un l'altro. Quest'attività ha ricevuto il benestare della regina, in quanto si svolge in taverna, lontano dalle perfezione e dalla pulizia della di lei cucina.





La realizzazione di confetture, invece, è un'occupazione in genere apprezzata principalmente dal pubblico femminile. Mio papà però, qualche anno fa, ha ricevuto una vera e propria illuminazione sulla via di Damasco: è rimasto affascinato da questo mondo incantato e da allora non può più resistere al richiamo dei fornelli. Complice l'abbondanza di frutti del giardino, che maturano tutti contemporaneamente, ha sviluppato abilità e fantasia nel preparare marmellate di vario tipo, a base di agrumi, kiwi, fichi d'india e albicocche, a seconda della stagione. 

La regina, maniaca del pulito e dell'ordine, non ha affatto manifestato apprezzamento verso questa inclinazione di "marmellificatore", anzi, ha cercato di dissuaderlo in tutti i modi, terrorizzata delle macchie appiccicose che avrebbe dovuto rimuovere dalle pareti della  SUA cucina!





Non c'è stato verso, il richiamo della confettura è stato più forte e la capa ha dovuto cedere lo scettro. Da allora si assiste ad un meraviglioso siparietto, dove un'omone baffuto di un metro e novanta mescola, come uno stregone, il composto che bolle in una gigantesca pentola con un altrettanto gigantesco cucchiaio, mentre una piccola e minuta regina spodestata insegue gli schizzi zuccherosi con una spugnetta. 

Visti i risultati però, meno male che mia mamma ha accettato di pulire gli schizzi causati dallo stregone pasticcione, così possiamo gustare delle squisite marmellate, magari spalmate su una fetta di pane fatta in casa. Sì, perchè mio papà recentemente ha ricevuto in regalo la macchina per fare il pane, e adesso si cimenta anche nella panificazione. Peccato che ogni tanto sbagli le dosi e l'impasto, dotato di una propria volontà, fuoriesca pericolosamente dal contenitore! Forse è una magia dello stregone. Chissà cosa ne pensa mia mamma... :-)






CONFETTURA DI FICHI D'INDIA AL PROFUMO DI VODKA 

Ingredienti 
1 kg di fichi d'india (puliti e passati al passa verdura)
400/500 g di zucchero (a seconda che si desideri una confettura più o meno dolce)
100 g di vodka
50 g limone spremuto senza semi
1 busta di pectina

Procedimento
Pulire i frutti tagliandoli a metà per il verso dell'altezza e svuotare le due semisfere con un cucchiaio tenendo la polpa e buttando la buccia. Passare la polpa nel passa verdura, poi aggiungere la vodka e mescolare bene.
A questo punto unire a freddo lo zucchero, precedentemente mischiato con la pectina, e versare il composto in una pentola ampia e dai bordi alti (bollendo il liquido potrebbe fuoriuscire). 
Cuocere sul fuoco abbastanza allegro mescolando continuamente con un cucchiaio di legno. Dopo 5 minuti dall'ebollizione, aggiungere il succo di limone, poi riportare a bollitura e proseguire la cottura per altri 5 minuti.
Riempire i vasetti a caldo, chiuderli e lasciarli dieci minuti a testa in giù. Girare i vasetti e posarli in luogo fresco e asciutto, affinchè si raffreddino lentamente e definitivamente. Lasciar riposare la confettura almeno per tre giorni prima di utilizzarla.

P.S. Io ho utilizzato indifferentemente le parole marmellata e confettura. In realtà i due termini non sono equivalenti.  Infatti con il termine "marmellata" si intende comunemente una preparazione semisolida dolce, o più raramente agrodolce, a base di vegetali a pezzetti e zucchero e cotta a lungo. Nella grande maggioranza dei casi è a base di frutta, ma non mancano esempi differenti come la marmellata di pomodori rossi o verdi oppure quella di rabarbaroDal 1982, per effetto di una direttiva comunitaria, solo prodotti ottenuti da agrumi possono essere venduti nell'Unione Europea con la denominazione di "marmellata", mentre tutte le altre preparazioni vanno chiamate "confettura". (fonte Wikipedia)

Con questa ricetta partecipo al Contest "Le Golose Conserve" ideato da About Food.









25 commenti:

  1. bella questa foto con le pale di fico d'india
    ciao :)

    RispondiElimina
  2. Che belle queste foto e che delizia la confettura di fichi d'India al profumo di vodka! :) Bravo il papà e brava tu! :) La proverò, mi incuriosisce molto! Un bacio grande e buona serata :)

    RispondiElimina
  3. Cara cuoca.....mi piace un sacco la tua ricetta...anche perchè amo i fichi d'india...ho solo un problema: quando li compro me li mangio tutti e subito come faccio quindi a farci la marmellata??

    RispondiElimina
  4. E' una "malattia dei babbi" quella di fare la confettura di fichi d'India?!? Anche il mio la preparò l'anno scorso, ma senza la vodka...ottima questa versione! Ha un bellissimo aspetto, complimenti al Padre Cuoco tra le nuvole e alla sua figliola sempre simpaticissima con la penna...ops con la tastiera ;) Un bacione :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Grazie mille. Sì secondo me l'irresistibile voglia di marmellificare è un sindrome che colpisce molti papà :-)

      Elimina
  5. Dimenticavo!! In bocca al lupo per il contest ^.^ !!!

    RispondiElimina
  6. mai assaggiata la confettura di fichi d'india!! mi piacerebbe proprio provarla!

    RispondiElimina
  7. il rito della marmellata piace tantissimo anche a me, avere tanta frutta che cuoce piano piano, e doverla mescolare di tanto in tanto, finchè non si raggiunge la giusta consistenza. quella di fichi d'india non l'ho mai provata: sarà perchè anche io nella stagione estiva sono ricoperta di frutta dei frutteti che alla fine non ne compro mai di un pò diversa. però mi ispira tantissimo! brava, un bacino! sere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A casa dei miei in liguria i fichi d'india crescono in giardino, che buoni. Io purtroppo sto a Milano, ma quando vado a trovarli ne rubo un po? ;-)

      Elimina
  8. Deve essere uno spettacolo! Quest'anno a Natale vorrei fare dei regali home made e sto raccogliendo spunti e ricette. Questa entra di sicuro nella rose dei vincitori. Farò un figurone!!!! Grazie :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie. E' bellissimo ricevere doni home made al posto dei soliti regalini, spesso anche un po' inutili. Mi sono riproposta più volte di preparare con le mie mani per tempo i regali di Natale, magari quest'anno è la volta buona... mai dire mai! Sono contenta di averti dato un'idea carina :-)

      Elimina
  9. Ciao, bellissimo post, mi è piaciuta molto la simpatica presentazione delle attività culinarie di tuo papà e ancor più mi piace l'ottimo risultato!!!
    Bellissime foto, da me non capita di vedere le piante di fichi d'India con i frutti!!!
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Sìsì mio papà è proprio così. La Liguria ha un clima adatto per questa pianta, peccato poterci andare poco, il clima è moto adatto anche per me! :-)

      Elimina
  10. che bel post, bellissima ricetta, ciao e felice pomeriggio :)

    RispondiElimina
  11. che buona! dopo quella di limoni interi e di arance con uvetta mi piacerebbe assaggiare anche questa delizia del tuo simpaticissimo papá. comunque é vero che la sindrome della marmellata colpisce i papá o nel mio caso il suocero che quest'estate ha fatto quella di prugne e ciliege del giardino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non posso certo lasciarti con una voglia, so per certo che ne sono appena stati preparati moltissimi vasetti! ;-)
      P.s. Ma allora è una sindrome contagiosa!

      Elimina
  12. che buona! dopo quella di limoni interi e di arance con uvetta mi piacerebbe assaggiare anche questa delizia del tuo simpaticissimo papá. comunque é vero che la sindrome della marmellata colpisce i papá o nel mio caso il suocero che quest'estate ha fatto quella di prugne e ciliege del giardino!

    RispondiElimina