martedì 4 dicembre 2012

Come conquistare una Donna a Tavola: Tartare di Salmone all'Arancia

E dopo molto (forse troppo) tempo ritorna oggi per voi la rubrica: "I nostri amici uomini". Per chi volesse aggiornarsi sulle puntate precedenti può leggere qui :-)

E' vero che, prenderla per la gola, è un buon modo per conquistare una donna, ma vantarsi eccessivamente ed insistentemente di di essere un cuoco fantastico, sappiate che non è molto apprezzato, sopratutto se si scopre che la parola che meglio descrive quello che cucinate è SBOBBA!

Ecco, cari amici uomini, alcuni utili consigli per non trovarsi nella suddetta spiacevole situazione:
  • Se volete conquistare la donna in questione, seducendola con le vostre doti da chef, accertatevi di essere davvero capaci di cucinare. Sappiate che, se le persone che solitamente vi fanno i complimenti per i vostri piatti, sono squattrinati studenti nord europei, non significa che siete ottimi cuochi!
  • Se avete di fronte una fanatica di cucina, accompagnata dal suo amico re dei fornelli (per intenderci, quando il re vuole fare qualcosa di veloce, prepara deliziosi cappellacci ferraresi fatti in casa), scegliete accuratamente il menù.  Possibilmente da evitare: untissima frittata di cipolle e pasta alle mille informi verdure.
  • Se malauguratamente non sapete cucinare, anche se siete certi del contrario, e il vostro piatto forte è proprio l'untissima frittata di cipolle, quando lei vi rivolge un sorriso educato, che cela tutto il suo disappunto, evitate di pronunciare frasi del tipo: "Buona eh?! Te la faccio tutte le volte che vuoi!".
Dopo aver correttamente regolato il vostro livello di autostima culinaria, dedicatevi piuttosto ad una pietanza semplice da realizzare, ma raffinata e composta da ingredienti di ottima qualità. Vi propongo quindi un piatto con cui farete un figurone. 
E se, fortunatamente per voi, non siete uomini bisognosi di consigli, potete sempre prendere spunto dalla mia ricette per un delicato antipasto adatto alle feste natalizie che si stanno avvicinando.





TARTARE DI SALMONE ALL'ARANCIA
Ingredienti per 2 persone
300g di salmone privato delle lische e della pelle
1 cipollotto
1 mazzetto di erba cipollina
la scorza grattuggiata di 1 arancia
il succo di 1/2 arancia
1 filo d'olio
sale e pepe
Procedimento
Tagliate finemente il salmone, il cipollotto e l'erba cipollina. Unite il succo e la scorza d'arancia, un filo d'olio, sale e pepe. Mescolate bene affinchè tutti gli ingredienti siano perfettamente amalgamati. Lasciar riposare una mezz'ora, poi disporre la tartare nei piatti con l'aiuto di un coppa pasta. Accompagnate con un buon bicchiere di vino bianco per un brindisi alla vostra ospite (anche questo fa parte della ricetta!).



Nota dell'autore: se la protagonista della vostra impresa di conquista è felicemente fidanzata e non fa altro che parlare del suo lui, è un CHIARO indizio che dovete lasciarla in pace!!! Ogni riferimento a persone o cose realmente esistenti o esistite è puramente casuale.

26 commenti:

  1. Da buon maschietto ormai maturo (diciamo così), ti ringrazio dei consigli. Comunque non devi dimenticare che i più grandi chef sono UOMINI!!!
    A parte gli scherzi, la tua tartare mi sembra davvero squisita! Bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dimenticavo: con questo piatto ci vedo bene un buon prosecco Valdobbiadene o qualcosa di simile. Ciao!

      Elimina
    2. Mi sa che tu sei già esperto! :-)

      Elimina
    3. Di cucina assolutamente no, però per laurearmi in agraria ho fatto una tesi sul vino; ricordo ancora quando il professore di microbiologia veniva in istituto con una bottiglia di vino e se la beveva insieme a noi studenti dicendo che stava facendo un esame "organolettico". Bei tempi!

      Elimina
  2. Sei troppo forte! un bacione

    RispondiElimina
  3. Ciao Cuoca, la tua ricetta è molto bella, gustosa e il tuo articolo è molto interessante. Anche io cerco sempre di stupire la mia fidanzata con un tocco di originalità in cucina, ma lei è molto più brava di me e finiamo quasi sempre a mangiare le cose che poi, tra uno scherzo e una carezza, prepara sempre lei. Questa volta grazie al tuo spunto riuscirò a stupirla! Solo una curiosità: come hai fatto a tritare il salmone? Devo tritare molto finemente? Grazie e in bocca al lupo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Mario, il salmone deve essere tritato a pezzetti molto piccoli con un coltello ben affilato. E' stato il mio ragazzo a fare quest'opera d'arte di sminuzzamento, senza il suo aiuto in cucina i miei piatti non potrebbero mai riuscire così bene. Siamo una squadra perfetta, io comando e lui esegue :-)
      Scherzo! Siamo una squadra perfetta e basta.

      Elimina
  4. ottimo cara...una creazione davvero chic!
    bacione

    RispondiElimina
  5. Brava hai fatto benissimo a dare questi consigli agli sprovveduti che si sentono chef ;-)
    Il mio poavero Assistente per fortuna lo ha capito e ha tre piatti forti che sfodera ogni volta che ha l'occasione di cucinare, oltre non si azzarda!
    Però per spirito caritatevole potrei passargli questa ricetta per consentirgli di variare un pochino il suo menù standard ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah mi hai fatto troppo ridere, sei davvero magnanima ;-)

      Elimina
  6. che ridere! mi sembrano ottimi consigli e sai che quasi qusai mi faccio la prima tartare della mia vita, mai assaggiata!

    RispondiElimina
  7. Adoro la tartare di salmone...lascerò "casualmente" il computer aperto sulla pagina del tuo blog, non si sa mai al mio fidanzato venga qualche strana idea! In realtà lui è soprannominato mastro fornaio, il suo forte sono pizze e focacce, sul pesce lascia fare a me :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheheheh bisogna agire con astuzia! Mai dire mai... :-)

      Elimina
  8. Brava cuoca ;) ricetta veloce anche per noi donne che vogliamo stupire gli uomini!! Un bacione :*

    RispondiElimina
  9. Oh mamma... che risate mi son fatta.... hai fatto benissimo a dare preziosi consigli! :D Questa ricetta è raffinata e molto invitante... frittata UNTA di cipolle?! Ma, dico, siamo matti??? O_O Bravissima, un bacione e complimenti :) :*

    RispondiElimina
  10. Davvero troppo simpatica! Piacere di conoscerti :-)
    La Gastronomade

    RispondiElimina
  11. Ahahahahhahahahha davvero fantastico.
    Ti dirò che io non amo gli uomini che cucinano. Quei pochi che ho conosciuti sono troppo vanitosi poi.
    Amo invece tanto quelli che prima ti portano fuori a cena e poi divorano quello che prepari tu! Vanesia io? naaaaaaa ;)

    RispondiElimina
  12. io invece adoro gli uomini che cucinano,forse perché il mio non sa fare nemmeno un uovo...questa tartare di pesce e goduriosa,un piatto da bis...baci,e grazie di tutto:)

    RispondiElimina
  13. Quanto sei simpatica! :)
    A me la tua tartare ha già conquistata! ;)
    Un bacione!
    PS: Quando cucina mio marito...scorre l'olio a fiumi sui piatti! :)

    RispondiElimina
  14. non sarei proprio conquistata ma questo sarebbe un buon inizio, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  15. Intanto che gli aspiranti chef imparano, io mi pappo la tua tartare, deliziosa, davvero deliziosa.
    Mi piace anche il piatto di Keith Haring! :-)
    Un bacione grande grande

    RispondiElimina
  16. TROPPO SIMPATICA!
    il finn sicuramente nn mi ha preso per la gola: ricordo vivissimamente il risotto ai piselli che mi preparava appena conosciuti. Lo evito come la peste tuttora ;)

    RispondiElimina
  17. davvero un piatto particolarissimo, mi attira molto!

    RispondiElimina
  18. hahahahahahahahahahhahahahhahahah.... stò ridendo come una pazza!!!!!! Un post bellissimo. Ovviamente anche la ricetta, adoro le tartare di pesce ;-)

    RispondiElimina
  19. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina